Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

    Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Itinerario Enogastronomico

Itinerari

Il territorio della 5^ Comunità Montana del Montepiano Reatino è ricco di tradizioni culinarie e gastronomiche, tutte da gustare.

Porchetta Tartufi Gamberi

In Rieti, capoluogo sabino, sono tipici gli Strengozzi, pasta di farina, acqua e sale, tirata a mano e tagliata a strisce spesse, e le Fregnacce alla Reatina, losanghine di acqua e farina, con o senza uova. Da Rieti si consiglia di pervenire a Contigliano per degustare una proposta tipica del paese, i Pizzicotti, così denominati perché derivanti dal pizzicotto che la massaia dà all'impasto per staccarne un pezzetto che, per la concavità assunta dopo il pizzicotto, darà luogo ad una specie di orecchietta che raccoglierà il sugo di castrato al proprio interno. Se ne fa una Sagra alla metà di Agosto.

L'appeal gastronomico del Reatino trova un altro grande motivo di vanto nella leggendaria Porchetta di Poggio Bustone, e dei suoi derivati, Zamponi, Fegatelli, Orecchie, che si possono però degustare solo dopo che la porchetta è stata sfornata. La gustosissima porchetta di Poggio Bustone la si trova in paese o in furgoncini ambulanti, che stazionano a Rieti e dintorni, che la vendono anche a panini imbottiti.

Da Poggio Bustone si può pervenire in breve a Leonessa, denominata città del tartufo, per la ricca presenza di questo tubero nel suo territorio e per i tanti piatti cui esso dà luogo; ma qui la stessa patata ha tale un sapore diverso che se ne celebra una sagra alla seconda domenica di Ottobre. Leonessa è anche "patria" del Farro, che viene proposto in modi millanta nella culinaria locale.

Degno di degustazione, ad esempio, il Farro al Tartufo o il minestrone di Farro. Nella frazione rivodutrana di Ponte Crispolti, canale e fiume di s. Susanna, le cui sorgenti sono tra l'altro le più ricche d'Europa per portata d'acqua, erano un tempo ricchi di gamberi di fiume (ora piuttosto rarefatti) e di trote, mentre negli stagni prossimi ai laghi della piana si prendevano le rane, e nei laghi stessi, tinche, lucci, anguille, cavedani etc.